TUTTA L’ECONOMIA E’ IN MANO ALL’ILLEGALITA’ !

Possibile che nessuno di chi dovrebbe tutelare i diritti dei Cittadini e delle loro attività economiche, si sia
accorto di quello che, ormai da anni, sta succedendo nella ns zona ed anche nella ns Regione!?
Possibile che nessuno di chi dovrebbe vigilare sulla "normalità" dello svolgimento di ogni attività
si sia accorto che, da anni, quasi tutta l’economia e’ caduta in mano di aziende dell’ultima ora!?
Qualcuno dei ns garanti si è mai chiesto come si riesca ad appaltare lavori pubblici a prezzi bassissimi,
al di fuori di ogni regola di mercato e di ogni possibile remunerazione economica, mettendo così fuori
gioco ogni impresa che debba fare offerte corrette ed allineate ai costi reali di beni e servizi!?
Così facendo le imprese, che definire "d’assalto" è solo una METAFORA, si "aggiudicano" o direttamente
o tramite prestanomi, tutti gli appalti e le forniture, e ciò avviene sia nel pubblico che nel privato, in cui
vengono usati anche e più remunerativi metodi di "acquisizione" delle commesse, poichè, proponendo
offerte al di sotto di ogni logica di equo guadagno (questo nel settore pubblico), rendono impraticabile
ogni tipo di competizione per le imprese corrette, e le mettono "fuori gioco".
Ora io mi chiedo come possa, nella legalità, operare e, addirittura, progredire, un’azienda che, a parità
di costi di acquisizione e/o di trasformazione e messa in opera delle risorse necessarie all’esecuzione
di un opera, di una fornitura o di una manutenzione pubblica, (nel privato l’offerta e l’acquisizione della
commessa viene "forzata" con altri modi e mezzi di persuasione e, quasi sempre, senza che il committente
si opponga energicamente o in qualsiasi altro modo o denunci nel caso di coercizioni esplicite), proponga
offerte contenenti prezzi di esecuzione, spesso, anche inferiori al 50% di quelli offerti normalmente da chi,
dalla corretta gestione economica del lavoro deve, per forza, ottenere utili, perchè solo così può andare avanti:
E’ FACILE PER TUTTI DEDURRE CHE QUELLE IMPRESE NON HANNO NECESSITA’ DI OTTENERE UTILI DAI
LAVORI "CONQUISTATI", MA SERVE LORO SOLTANTO CREARE UN FLUSSO DI CAPITALI IN CUI MIMETIZZARE
DENARO A DISPOSIZIONE DI PROVENIENZA LA PIU’ DISPARATA POSSIBILE, QUASI SEMPRE ILLECITA!
Queste riflessioni le sentiamo e le leggiamo ogni giorno, ma sembra che NESSUNO se ne interessi.
E’ così che tutte le attività economiche stanno  "traslocando" dalle aziende storiche a quelle "neonate"
forti della spregiudicatezza, a dir poco, e della mancanza di necessità dello "sporco" guadagno:
queste il "guadagno" lo hanno già in cassa e, finora sembra, senza che alcuno ne chieda loro giustificazione!
Quanto riusciremo a sopravvivere in questo sistema di collusioni e protezioni, con lo stato che non "vede e non
provvede"?
Quando parlo di stato, intendo tutti i funzionari pubblici e/o incaricati dei controlli ed i famosi "colletti bianchi"
che restano inerti, quando non sono collusi, con le aziende "emergenti", "conquistadores" di ogni attività  economica!
Fino a qualche anno addietro, le aziende erano taglieggiate con la richiesta di tangenti o pizzo o mazzette che dir
si voglia: oggi invece, della percentuale, la malavita ha "espropriato" le imprese o si è associata in esse, ed ha
portato via alle poche aziende, veramente libere, sopravviventi il loro bene più vitale, cioè i committenti !!!!
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in COME SI E' COSTRETTI A SOPRAVVIVERE AIN CALABRIA........................... Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...