SE QUESTA E’ GIUSTIZIA!!!!!!!!!!!!!!!!!

Da " CalabriaOra" di oggi, leggo e riporto l’ennesimo caso di MALAGIUSTIZIA che, casualmente, riguarda
una Signora che porta il mio stesso Cognome e che, quindi, anche se lontanamente, è sicuramente mia
parente e chiedo, ma non per la casualità del Cognome, l’intervento deciso ed immediato, di chi deve e può,
a favore dei Cittadini, specialmente di QUELLI PIU’ DEBOLI ED INDIFESI
CHE SONO I PIU’ ESPOSTI ALLE "OFFESE" ANCHE DELLE ISTITUZIONI ED ALLE INGIUSTIZIE!!! 
" S’incatena per «avere giustizia»!    Maria Conocchiella torna in Tribunale. Al suo fianco monsignor Fiorillo.
 
Dieci anni fa, il figlio Nicola, manovale di 22 anni, perse la vita mentre stava lavorando con una impresa di

calcestruzzi nei pressi di Vibo Valentia. Era regolarmente assicurato con Inail ed un’altra impresa assicurativa.                                                                                                                                                                                                                      Affidò la pratica ad uno studio legale, ma poi non ha «saputo più niente», se non una «notifica al pagamento                                                          delle spese processuali» a suo carico                                                                                                                                                                                                                                                       Ieri Stamattina, così, Maria Conocchiella – questo il nome della madre della vittima – si è incatenata dinnanzi                                                                       al Tribunale chiedendo con un megafono di voler parlare con il procuratore della Repubblica Mario Spagnuolo,                                                           fino a quando non è crollata.                                                                                                                                                                                                                                                                         A rianimarla sono stati i sanitari del “118” chiamati da una guardia provinciale.                                                                                                                                                                                                                         Accanto aveva un sacchetto di plastica contenete centinaia di boccette di medicine e attestati che riferiscono di                                                    una infermità di carattere pisichico, dovuta ai travagli per la perdita del figlio.                                                                                                                                                                                                                                     Ma c’è di più.                                                                                                                                                                                                                                                                                                      La donna che dimostra molto più dei suoi 55 anni, ha le gambe semiparalizzate, ha perso gran parte dei denti, al                                                    punto da non poter masticare nemmeno un cornetto che qualcuno pietosamente le ha offerto.                                                                                                                                                                                                                            Decine e decine di persone, avvocati, cancellieri, non l’hanno degnata di uno sguardo!                                                Sembravano quasi indifferenti, fino a quando sul posto non è arrivato il parroco del vicino duomo di San Leoluca,                                                       don Peppino Fiorillo, presidente di “Libera”, per rendersi conto della vicenda di quella sventurata donna, che fra                                                       l’altro aveva conosciuto quando era giovane parroco di Sant’Angelo, il paesino di Maria Conocchiella.                                                                                                                                                                                                                          Un  incontro  commovente                                                                                                                                                                                                                                                                    Perché oltre a don Peppino, che all’epoca (erano gli anni della contestazione sessantottina) si mise alla testa di                                                    quella popolazione per rivendicare alcuni sacrosanti diritti, fra i tanti a bloccare le strade c’era anche                                                                                lei, Maria, ancora adolescente.                                                                                                                                                                                                                                                                           Dopodichè don Peppino che, nel frattempo si è guadagnato i galloni di monsignore, ma che quando vede una                                            ingiustizia farebbe ancora barricate, accompagnato da un giornalista, ha salito le scale del Tribunale per                                                              chiedere un incontro con il procuratore Mario Spagnuolo, ma poiché questi era assente, ha bussato alla porta                                                       del presidente Antonio Di Marco, per chiedere il suo intervento.                                                                                                                                                                                                                                                                                Ricevuto, ha esternato il suo disappunto per quanto stava accadendo, ottenendo infine dall’alto magistrato,                                             immerso in centinaia di fascicoli, la promessa che si sarebbe interessato del caso, non appena ricevuta una                                                          denuncia scritta.                                                                                                                                                                                                                                                                                          Cosa che da un lato ha rincuorato don Peppino che però non si è trattenuto dal commentare come la giustizia                                         continua ad essere ancora ingiusta con i poveri. «Eravamo dei sognatori, pensavamo di cambiare il mondo –                                                            ha sbottato – ma sono aumentate le disuguaglianze, l’indifferenza e il razzismo».

Michele Garrì

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in COME SI E' COSTRETTI A SOPRAVVIVERE AIN CALABRIA........................... Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...