CHI E’ SENZA PECCATO…………………………………..

Quando il Cittadino onesto sente parlare di infiltrazioni mafiose nella politica, quasi sempre, pensa
che il problema non lo riguardi perchè lontano dal suo ambito, proprio come quando sente parlare
dell’ infermità di qualcuno e, soltanto se capita che si  rechi in ospedale, scopre quanti ammalati vi
siano tra i suoi amici e/o conoscenti: proprio quello che succede quando viene sciolto un comune, 
non vicino, per infiltrazioni mafiose, poi, guarda caso viene sciolto anche quello in cui si vive e si opera!
Chi non aveva sentore di quello che accadeva realmente, rimane …….di stucco, senza parole !
Stranamente, però, rimane o sembra rimanga, senza parole, anche chi ha operato e gestito tutto!
Da "Il Quotidiano" leggo e riporto, a proposito del comportamento politico dei "partiti"(!?)
certamente coinvolti nella gestione del territorio e dei loro rappresentanti più influenti, quasi
defilato, come se la grave situazione della cosa pubblica neanche li riguardasse, mentre conosciamo
Tutti le loro responsabilità oggettive, se non altro, tenuto nel caso di scioglimento per "mafia" 
della Amministrazione Comunale di Sant’Onofrio, il forte richiamo alla giusta figura istituzionale
della "politica" (!?) e dei soliti noti politic.ant.i , perchè tali si dimostrano, ancora una volta, se solo
ci fosse bisogno di una conferma, lanciato da un membro della assemblea regionale del pd,
l’avv. Antonio Scuticchio di Vibo Valentia.
 
"ANALISI E CONTROANALISI

Sant’Onofrio e tutti quei silenzi del Pd.              CON Sant’Onofrio diventano sei i comuni della provincia commissariati per infiltrazioni mafiose negli ultimi 6 anni.

Prima era toccato a Briatico, Nicotera, Soriano, San Gregorio d’Ippona e Parghelia. Insieme fanno più del 10% dei comuni vibonesi.

E potrebbe non essere finita perché in altri comuni sono insediate tuttora commissioni d’accesso.

Ogni volta che viene sciolto o commissariato per mafia un comune il fatto muore più o meno lì.

Nessuna analisi da parte delle forze politiche.

Almeno in questo, in Calabria, c’è un perfetto spirito bipartisan: basti l’esempio del consiglio regionale, dove il centrodestra

non ha mai affondato sulla vicenda Crea perché aveva il suo Gallo nell’armadio.

Del resto, la ‘Ndrangheta è politicamente trasversale.

Quindi meglio non parlarne

A Sant’Onofrio, si diceva, si è insediata la commissione antimafia.

Ciò vuol dire che il Comune sarebbe stato sciolto anche senza le dimissioni del sindaco.

Non metto la mano sul fuoco per nessuno (neanche per me stesso)ma conosco abbastanza Franco Ciancio da poter dire che è

un uomo distante da determinate logiche di scambio politico-mafiose.

Eppure il comune che lui guidava è stato macchiato di mafiosità per la seconda volta in meno di un ventennio.

E si trattava di un comune dove la maggioranza si compendiava nel partito cui appartengo.

Qual è, allora, il male oscuro di Sant’Onofrio?

Come mai si alternano le maggioranze ma la mafia continua a controllare il municipio?

Quante amministrazioni in provincia di Vibo Valentia controlla, direttamente o indirettamente, la criminalità?

 Parafrasando uno slogan caro a Walter Veltroni, forse we don’t care?

A me sembra, invece, che ci debba importare.

Ma un partito preoccupato più che altro a disquisire sulla “rivisitazione” del tesseramento.

Prima gli assetti di potere, insomma, poi il resto, compreso il problema delle infiltrazioni mafiose.

E La selezione della classe dirigente, invece di esser fatta, viene fatta dalle Prefetture e dalle Procure.

Alla timidezza con cui si affronta il problema mafia si sostituisce addirittura il mutismo quando c’è di mezzo la corruzione.

Forse perchè anche quando qualcuno parla (vedi, il presidente della Provincia di Crotone Iritale), gli altri fanno il gioco delle tre scimmiette.

Poi, in silenzio, si sbarazzano dei ribelle e si riprendono il potere perduto.

Questo silenzio è ancora peggiore, perché non deriva dalla paura, ma dalla connivenza.

Gli storiografi della corruzione politica in Italia hanno sempre rilevato i circoli viziosi che possono intrecciarsi tra questo

fenomeno e quello della protezione politica della criminalità organizzata.

Specie se entrambi vengono innescati dalla monetizzazione del consenso, o clientelismo, al quale ormai non si fa nemmeno più caso.

Il mio partito non vuole o non riesce a capire che non si può proseguire in questa corsa al ribasso per ottenere qualche decina di amministrazioni in più.

Veltroni aveva provato a dare l’imprinting, ma un uomo solo non può far molto.

Ci vogliono regole interne e non mi pare ci siano: basti leggere il codice etico del Pd per rendersi conto di quanto sia morbido nei confronti dei rei

contro la pubblica amministrazione.

Di questa mollezza ho trovato tracce un po’ ovun – que nel pensiero del volgo.

Mesi fa, a Lamezia, ho sentito dire che Speranza non sarà ricandidato “perché si è preoccupato soltanto della sicurezza senza pensare ai bisogni della gente.

Sul fronte anticrimine e anticorruzione il sindaco di Vibo Valentia gode di credito affatto minore rispetto al suo collega lametino, ma forse non gli si vuol

riconoscere il merito altrimenti si “rischia” di dover aprire la discussione sulla sua ricandidatura.

Con questo approccio da indifferenti (nel senso Moraviano del termine) il PD, si sta presentando alle elezioni europee, nelle quali i partiti con le loro opinioni

contano tanto, mentre il clientelismo conta poco o nulla.

Preoccupa tanto, questo partito silente proprio sui suoi cavalli di battaglia di un tempo, il tempo in cui c’era l’Ulivo, un progetto sacrificato troppo presto ai

mal di pancia dei politici di professione provenienti dalle settime file della 1° Repubblica.

Dunque, se c’è, il Pd batta un colpo in questa provincia.

 Vediamo comerecuperare l’etica della politica.

Star zitti e aspettare l’oblio non è tattica politica, è l’oblio della politica.

Antonio Scuticchio , assemblea regionale Pd

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in CURRICULA DI POLITICI. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...