LA FACCIATOSTA DEI POLITIC.ant.I, LA VERGOGNA DEL PAESE !

Come manifestato e scritto piu’ volte, avere un lavoro, in Italia, è un "terno al lotto",
avere un seggio in parlamento è un "SEI"al superenalotto, MA AVERE L’UNO E L’ALTRO
O ANCORA DI PIU’ E’ SEMPLICEMENTE UN COMPORTAMENTO IMMORALE, OGGI, CHE
DOVREBBE ESSERE DICHIARATO  ILLECITO AL PIU’ PRESTO!
Per questi super fortunati (!?) non ci sara’ mai una crisi economica: gliela tengono
lontana e nascosta i SACRIFICI dei normali CITTADINI, di quelli che devono SOPRAVVIVERE
con 400 o 500 Euro al mese, di quelli che non hanno neanche un lavoro e se lo hanno,
riescono a percepire al mese, quello che un politic.ANT.e "PRENDE" in un giorno…..anche se
"DI ASSENZA", magari perchè "impegnato" nella propria "libera professione": MA, LAVORARE
IN DUE O ANCHE PIU’ POSTI DIVERSI CONTEMPORANEAMENTE E PERCEPIRE  I VARI  COMPENSI,
E’ POSSIBILE !?
IO HO SEMPRE SAPUTO CHE I DIPENDENTI CHE NON SONO PRESENTI ALL’UNICO LAVORO CHE
HANNO, SE RISULTANO ASSENTI, NON VENGONO RETRIBUITI, ALTRIMENTI VENGONO DENUNCIATI
E PERSEGUITI PER TRUFFA E, ANCHE GIUSTAMENTE, LICENZIATI: MA I POLITIC.ant.I ITALIANI NON
SONO CITTADINI COMUNI, SONO GLI "ELETTI" E QUINDI POSSONO PERMETTERSI ANCHE LA BI, LA
TRI ED ANCHE LA TETRALOCAZIONE, TUTTI "IMPEGNI" IMPORTANTI, PUBBLICI E PRIVATI, LAUTAMENTE
PAGATI DA NOI CITTADINI !
CHE VERGOGNA, PER LORO, CHE SPRECO DI DENARO PUBBLICO PER I CITTADINI !!!!!!!!!!!!
Dal blog di Beppe Grillo ricevo e riporto il post che segue il cui contenuto condivido "in toto":
"

Zecche di Stato

Lucio Stanca, il doppiolavorista
(4:44)

Come chiamereste un vostro dipendente che, invece di lavorare per voi, lavorasse in proprio o per qualcun altro? Come definireste un tizio, eletto alla Camera o al Senato e a cui pagate un lauto stipendio ogni mese, che continua, imperterrito, a mantenere la propria occupazione? Un dipendente che remunerate con le vostre tasse, con benefit da favola e una pensione sicura dopo soli due anni e mezzo? Un signore che faceva l’avvocato come Ghedini, prima di essere "nominato" deputato dal suo cliente psiconano, e che continua a fare l’avvocato percependo laute parcelle? Un parlamentare come Barbareschi che si esibisce come attore nei teatri d’Italia? O uno Stanca che pretende di percepire DUE stipendi, come amministratore di EXPO 2015 e come deputato, dopo i trionfi del portale Italia.it che ci ha resi ridicoli in tutto il mondo?
Ho pensato a lungo a come definire questa gente. Questa condizione umana ha molti aspetti, molte facce. Un solo aggettivo è forse insufficiente. Limitativo. Il termine doppiolavorista non è adeguato: hanno sì due lavori, ma ne praticano in prevalenza o esclusivamente uno solo. Lavativo non è corretto, in realtà lavorano per sé. Assenteista è quasi appropriato perchè in Parlamento spesso non si fanno vedere, ma non rende abbastanza l’arroganza di questi "desaparecidos" pubblici, che ostentano la loro assenza come un diritto divino. L’impiegato pubblico cerca di non farsi sorprendere fuori dal luogo di lavoro in orario di ufficio per non essere licenziato, mentre per i parlamentari è un vanto. Loro non si sentono dipendenti di nessuno. Mangiapane a tradimento? Quattro ganasce? Riduttivi.
Fare il parlamentare dovrebbe essere un’attività impegnativa, la più importante per il funzionamento dello Stato. E’ molto ben pagata. Farla part time o zero time è un insulto nei confronti dei cittadini. In particolare dei precari, dei licenziati, della generazione 500 euro al mese. Chi diventa parlamentare non deve esercitare la sua professione per la durata del mandato. E’ una questione di rispetto verso gli elettori che lo pagano e verso lo Stato che dovrebbe servire. Tra i tanti nomi per questa categoria di dipendenti infedeli, "Zecche di Stato" è il migliore. Succhiano il nostro sangue, qualche volta trasmettono malattie, come il Lodo Alfano e le ronde, e si ingrassano. Uno per volta devono rendere conto alla collettività del loro comportamento e dimettersi. Iniziamo da Lucio Stanca con il suo mezzo milione di euro di retribuzione come amministratore di Expo. Lucio Stanca dimettiti! Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Postato da Beppe Grillo il 20.09.09 14:57 | |

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in DISOCCUPAZIONE E PLURIOCCUPAZIONE: DISAGI E SPRECHI.. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...