MOVIFUTURO: INSIEME PER LA PROMOZIONE UMANA DEI CITTADINI, VERSO L’EQUITA’ SOCIALE !!

“MOVIMENTO DI PROMOZIONE DEL CITTADINO”.
UGUALI OPPORTUNITA’ PER UNA GIUSTA SOCIETA’!
“EQUITA’ E’ ANCHE BENESSERE E LIBERTA’” !                                                                 (DOBBIAMO, PRIMA, ESSERE LIGI AI NS DOVERI PER, POI, PRETENDERE I NOSTRI DIRITTI: NON DOBBIAMO, PERO’, CHIEDERLI MAI, NE’ CONSENTIRE, AD ALCUNO, CHE CE LI RICONOSCA, E CHE CE LI FACCIA “PESARE”, COME FOSSERO FAVORI !) RICORDIAMO ANCHE, CHE, “PRATICARE, ANCHE POCO, E, MOLTO, PIU’ EFFICACE CHE PREDICARE, ANCHE TANTO”, CIOE’ CHE, “ANCHE L’ESEMPIO PIU’ PICCOLO, VALE PIU’ DI UNA INTERA VITA DI OTTIME PROPOSTE VERBALI” !

QUESTE, ALCUNE MIE PROPOSTE SEMPLICI DA ATTUARE, MA, FONDAMENTALI PER IL RISVEGLIO DELLA COSCIENZA CIVILE, DI TUTTI NOI CITTADINI.

Alfabeto” per una nuova modalità di gestione della “Cosa Pubblica”, cioe’ della tutela degli  interessi di Tutti, che è la vera Politica, ormai dimenticata da tanti, se non quasi da tutti, tra coloro che sono stati eletti o operano nelle varie Amministrazioni Pubbliche, dal Parlamento, al piu’ piccolo Comune !

a) FINE DELL’ILLEGALITA’: Istituzione di un “Atto di Nascita” e di un “Libretto                    di Circolazione” con “Certificato di Proprietà, sui quali registrare sia l’origine che ogni passaggio di proprietà di beni mobili e immobili, a CHIUNQUE intestati, nonchè la provenienza dei capitali utilizzati, relativi ad operazioni sul bene, con confisca immediata da parte dello Stato in caso di inottemperanza e/o di irregolarità nelle trascrizione dei vari flussi di denaro: STOP ad ogni malaffare ed anche alla evasione fiscale sui redditi effettivi, il cui fine è, avere, avere, avere!                                                                                                     Non esiste finalità di lucro diversa dallo avere, da quella per poter godere di benessere e, quasi sempre, ancor più, di quella indispensabile per lo “apparire”!                                       Un “furbo” o un evasore o, ancor più, un malavitoso, spogliato dei beni illecitamente acquisiti, non godrà più di quei privilegi sociali di “ostentazione”, che derivano dalla disponibilità di ingenti patrimoni (ville, auto di lusso, barche, terreni, etc…), nè sarà temuto, o peggio ancora, come oggi spesso avviene, preso ad esempio (oggi, ormai e a torto, le valute e gli averi, spesso vengono ritenuti i  veri, e i piu’ importanti, “valori”), poiché “apparirà” per quello che è realmente: un individuo di nessun valore umano e sociale, ma soltanto  deleterio, per tutta la Società e, quindi, da evitare!

b) STIPENDI di deputati, senatori e politicanti, ad ogni livello, UGUALI a quelli medi percepiti e dichiarati, per la professione svolta nella Società, nei cinque anni precedenti la loro elezione, senza altri privilegi vari, maggiorati solo delle spese REALI e DOCUMENTATE, sostenute per l’esercizio del mandato, con verifica delle presenze in Aula e/o nelle Commissioni, nonchè delle attività svolte durante il mandato e con
decadenza dalla carica in caso di assenteismo cronico (assenze > del 15 % delle
sedute istituzionali, non validamente giustificate): la durata del mandato politico
varrà, ai fini pensionistici, col sistema contributivo, come periodo di lavoro utile, da aggiungersi ai periodi di lavoro svolti prima e/o dopo la permanenza in carica.

c) UNA SOLA PENSIONE, UGUALE PER TUTTI I CITTADINI, a parità di anzianità contributiva e di età, poichè, dopo il lavoro, attivamente, svolto, tutti i Pensionati si trovano nelle identiche condizioni di ormai “nullafacenti(qualcuno lo era anche prima)”, POLITICI, GIUDICI , MANAGERS, PRIMARI E  DIRIGENTI, ad ogni livello, compresi, stabilendo una base minima per una vita decorosa, con una differenziazione solo per un ”Fattore di Residenza”, che tenga conto della variazione del costo della vita tra città diverse.
A tutti i Pensionati, così godenti di una uguale e adeguata pensione, deve essere consentito solo il lavoro gratuito, ad es. nei servizi onlus: NESSUNA PENSIONE, DOPO LA “MESSA IN QUIESCENZA”, PER CHI GODA GIA’ DI REDDITI DA ALTRE FONTI, SUFFICIENTI A GARANTIRGLI UNA VITA DECOROSA(Ho saputo che in OLANDA, in AUSTRALIA e in altri PAESI del Mondo, più civili ed avanzati del nostro, da anni, è già più o meno così: pensioni uguali per tutti e nessuna pensione per chi sia già “benestante” !).

d) SITUAZIONE PATRIMONIALE TRASPARENTE, di chi abbia una FUNZIONE PUBBLICA: obbligo per dipendenti e funzionari di qualsiasi Amministrazione Pubblica o Azienda di Pubblica Utilità, nonchè per parlamentari e “politicanti” vari, di rendere pubblico il proprio STATO PATRIMONIALE, PRIMA, DURANTE e DOPO, l’incarico ricoperto, nonché di giustificare tutte le variazioni in aumento, con adeguati provvedimenti restrittivi, fino alla confisca, in caso di incrementi incongrui.

e) TASSE E FISCO:  Introduzione del “CONTRASTO DI INTERESSI” tra il Cliente ed il Fornitore con  la detraibilità totale, dal Reddito lordo, di tutte le spese
indispensabili per la manutenzione dei propri beni ed il sostentamento della Famiglia e per la conduzione di una vita decorosa, con l’esclusione, totale o quasi, delle spese voluttuarie e di quelle sostenute per l’acquisto di beni di “LUSSO”, delle quali si deve poter detrarre solo la quota di  spesa congrua con il bene “economico” corrispondente( es. per un visone, il costo di un cappotto) ( negli STATI UNITI è già cosi da tempo!): saremmo “controllori” reciproci e non ci sarebbe bisogno di eludere o evadere le tasse per arrivare a fine mese!

f) LAVORO E PROFESSIONI: Divieto assoluto di cumulo tra incarichi pubblici
e lavoro o professione privata, con l’obbligo di optare per l’uno o per l’altro, poichè, attualmente, esistono “professionisti”, magari anche impreparati, ma ben “collegati” con coloro che detengono i vari “poteri” gestionali, “onnifacenti” che fanno il doppio, triplo, quadruplo lavoro, e utilizzano, scandalosamente, pure il loro “posto” pubblico per procurarsi guadagni privati (quanti medici specialisti ci invitano, per accelerare i tempi o avere servizi migliori, a passare dal proprio studio privato, facendo leva sullo stato di soggezione per i ns problemi!?) e Professionisti seri, preparati e corretti, ma senza “maniglie di sostegno”, che non riescono ad ottenere, neanche, il lavoro che spetterebbe loro, nè nel pubblico, ma, neanche, nel privato!

g) STIPENDI di Dipendenti e Manager Pubblici svincolati dalla anzianità di servizio,
ma proporzionati esclusivamente ai risultati della loro gestione dell’Ufficio o della
Azienda in cui operano, e soltanto a quei risultati rigorosamente ed oggettivamente
verificati come dipendenti dalle loro capacità professionali, e non da altro, come ad
esempio da leggi o interventi pubblici fatti a sostegno degli stessi. Questi stipendi non devono essere superiori ad un certo multiplo, dello stipendio erogato al dipendente della stesa Azienda, più basso di grado nella gerarchia del lavoro, stabilito in relazione al numero complessivo di dipendenti, sottoposti all’interessato:  1, 2, 3, 5, 7, 10 volte, per esempio !

h) CONCORSI per Incarichi Pubblici espletati esclusivamente tramite esami scritti e
prove pratiche, a prescindere dai “curricula vitae” (come sappiamo bene, spesso, anzi quasi sempre in Italia,  risultato di collegamenti vari con “protettori” politici o di altra condizione privilegiata, massonideviati, baroni universitari, primari ospedalieri, dirigenti pubblici, associati a particolari lobbies o caste varie, o elementi di malaffare) e senza colloqui orali, i cui risultati, come già successo spesso, sono facilmente alterabili dai commissari “amici”, e, inoltre, in cui gli elaborati vengano documentati e pubblicizzati nonchè corretti in forma anonima fino al risultato finale e dopo, senza possibilità di “barare”, assegnati ai singoli Candidati (Vincere per Competenza, non per “appartenenze” e/o per “conoscenze”!).

i) SUSSIDI PUBBLICI soltanto ai veri Disoccupati, erogati fino al momento dell’avvio al
lavoro, che dovrebbe avvenire gradualmente previo tirocinio con altro lavoratore con analoghe mansioni, da sostituire in caso di pensionamento o di cambio di mansioni     o di carriera: tassare pesantemente ogni doppio lavoro, anche con l’obbligo di emissione della ricevuta fiscale detraibile per chi esercita arti e/o professioni, spesso in nero, cioe’ introdurre il “Contrasto di Interessi” tra Cliente e Fornitore, già richiamato.

l) ASSISTENZA SANITARIA pubblica gratuita per tutti i Cittadini, con controllo
continuo e aggiornamento delle professionalità degli operatori vari: abolizione delle convenzioni con strutture sanitarie private, spesso gestite, se non, addirittura, di proprietà
di operatori sanitari pubblici, che, non facendo(ad hoc) il proprio dovere (nel pubblico),
spingono i malati verso strutture o studi privati, approfittando delle particolari
condizioni di soggezione psicologica e di bisogno di Questi: Chi vorrà, e ne avrà la possibilità economica, potrà scegliere di utilizzare le strutture private, ma  a totale proprio carico.

m) ABOLIZIONE TOTALE DELLE TASSE, (ICI, IRE, IMU, etc) sulla prima casa, ma fino ad un valore adeguato e rapportato a quello di una abitazione di categoria civile e/o popolare, ad esclusione della TARSU, che è il pagamento di un servizio, calcolata però solo in equa proporzione al numero di componenti familiari, alla consistenza di superficie dell’abitazione  ed al tenore di vita della Famiglia del Contribuente.

n) ABOLIZIONE della TASSA DI PROPRIETA’ e della ASSICURAZIONE RCA,

sui veicoli vari, che andrebbero conglobate nel prezzo, diverso per vetture e autocarri, dei carburanti, con modalità e costi dei passaggi di proprietà dei veicoli, allineati con quelli di altri Paesi( p.e., nel Regno Unito il costo del Trasferimento di Proprietà di una vettura, è di circa 20 euro !).

Dovrebbero, invece, essere assicurate le patenti di guida personali e il premio dovrebbe essere commisurato alla sinistrosità del Titolare (Chi ha la patente, può guidare soltanto un veicolo per volta e non si comprende perchè, un veicolo fermo, in garage e/o anche in sosta, pur non generando alcun rischio, debba pagare la RCA !!)

(La tassa attuale, di possesso, andrebbe, comunque, adeguata al valore reale del veicolo e non ai Kw di potenza del suo motore: è vergognoso, oltre che iniquo, infatti, che una Ferrari, a parità di potenza, debba pagare quanto un “catorcio” di 20 o più anni: quale sarebbe, secondo i ns politicanti, la logica, giustificativa, della equiparazione fiscale fra due veicoli così diversi per valore venale !?).

 Comunque, in attesa della modifica radicale della legislazione, e del suo adeguamento a quella di altri Paesi,  adottata, subito,  l’UNIFICAZIONE delle tariffe RCA, previa l’eliminazione delle “ZONE” per Provincia, e in funzione, soltanto delle “CLASSI” di merito, il “BONUS-MALUS” dei Proprietari del veicolo: NON C’E’ ALCUNA RAGIONE PERCHE’ UN AUTOMOBILISTA DI NAPOLI, PRUDENTE E ACCORTO, CHE SIA QUINDI ANCHE IN PRIMA CLASSE, O IN OGNI ALTRA, PAGHI FINO A TRE O QUATTRO VOLTE IN PIU’, RISPETTO AL SUO OMOLOGO DI MILANO E/O DI ENNA !!

o) FISCO AZIENDALE. Per ridurre o eliminare la morosità o l’elusione dei pagamenti
delle forniture di beni e/o servizi e le truffe ai fornitori, le fatture passive ricevute dalle aziende clienti, IVA compresa, dovrebbero poter essere SCARICATE dalla contabilità fiscale di queste, soltanto dopo l’avvenuto pagamento, registrato e documentato, al fornitore che le ha emesse, . Inoltre  il fornitore dovrebbe versare le tasse relative alle fatture emesse, IVA compresa, soltanto dopo averne riscosso l’importo: oggi IVA e tasse, devono essere versate all’Erario prima,………a prescindere dal pagamento delle stesse!!

p) GIUDICI E MAGISTRATI, di ogni grado e con qualunque incarico, devono essere  equiparati a noi comuni Cittadini, in ogni condizione, e quindi anch’essi perseguibili per eventuali errori dolosi, ma anche colposi, compiuti nello svolgimento della loro altissima funzione, per cui sono lautamente stipendiati, e soggetti, sia al risarcimento in proprio dei danni provocati a terzi o all’Erario, sia, se ci sono i presupposti, ad eventuale procedimento penale con conseguente condanna, se colpevoli, alle pene previste: TUTTI I CITTADINI, GIUDICI COMPRESI, DEVONO…….ESSERE UGUALI DI FRONTE ALLA LEGGE !!

q) ABOLIZIONE DELLE STRUTTURE CARCERARIE E DELLE PENE DETENTIVE
che, fino ad oggi, non hanno mai avuto utilità alcuna per il recupero dei carcerati, anzi
hanno solo provocato danni, poichè è quasi sempre avvenuto che in carcere, parecchi
detenuti, anche se già non lo fossero, sono diventati, veramente, delinquenti: istituzione, in loro vece, dell’espiazione delle pene con condanne a LAVORI “FORZATI” SOCIALMENTE UTILI, nel settore pubblico e/o anche presso Aziende private( manutenzione e pulizia spazi pubblici e strade, canali e coste, rive dei fiumi, boschi, coltivazioni varie in agricoltura, impiego in altre attivita’ varie, vigilanza incendi, ad es…), e controllati, di durata adeguata e con retribuzione degli stessi condannati-lavoratori, finalizzata al risarcimento di tutti i danni, provocati alle Vittime del reato e/o a tutta la Società Civile.

r) ASSISTENZA E CURA alle Vittime della Droga,veri e propri malati, con ricovero
gratuito in idonee strutture sanitarie pubbliche in cui avvenga la somministrazione
controllata e gratuita delle sostanze stupefacenti finalizzata al recupero totale alla
normalità, dei tossicodipendenti: proviamo solo ad immaginare l’impatto positivo per
la Società, con l’eliminazione di piccoli e grandi reati commessi, anche in famiglia, da
questi “malati” in condizioni di “crisi di astinenza” e, ancor più essenziale, l’ingente sottrazione di proventi alle “mafie” di ogni denominazione, anche a quelle “improprie”,
che controllano lo spaccio, e dei costi per il recupero dei malati, tossicodipendenti, in strutture private a pagamento, sappiamo tutti con quale giro d’affari! Tutti gli Stati, Italia compresa, dovrebbero acquisire il controllo legale della “distribuzione” di ogni “merce” proibita, compresa quella delle varie “droghe”: verrebbero così meno tanti problemi sociali, tanti reati non ci sarebbero, e le “mafie”, perderebbero la loro principale fonte di lucro che permette loro, anche, di falsare i mercati produttivi e di fagocitare tante aziende messe in difficoltà, proprio, dalla spregiudicatezza di “finti” concorrenti, che non hanno alcuna necessità di ottenere guadagni veri, bensì, soltanto, necessità di “pulire” ingenti capitali !!

s) REISTITUZIONE delle Case Chiuse affinchè abbia termine lo scandaloso spettacolo
della prostituzione lungo le strade delle nostre Città, che, purtroppo solo ipocritamente,
viene avversata da molti che, magari, sono tra quelli che alimentano, come clienti, se non
come altro e se non sono proprio sfruttatori e quindi ci lucrano, questo tipo di riprovevole commercio della persona umana, che sappiamo, viene definito “Il più antico tra i mestieri
del mondo”: ricordiamo che, spesso, tanti comportamenti sono “indotti” dal piacere psicologico, primordiale, di infrangere le regole e praticare ciò che è “proibito” !!

t) DIVIETO DI CUMULO, anche tra pensioni, vitalizi e attivita’ lavorative remunerate di qualsiasi tipo, ad esclusione delle attività onlus, umanitarie e di beneficenza, che non diano provento alcuno: utilizziamo i pensionati davanti alle scuole, nei musei, nei parchi pubblici !

u) OPERE ED IMPIANTI, per lo svolgimento di tutte le manifestazioni sportive o ludiche,
a pagamento, a totale carico degli Enti o Amministrazioni gerenti o proprietari degli artisti
o delle squadre partecipanti , dalla realizzazione al controllo dell’ordine pubblico nel corso degli eventi, con la sola esclusione degli eventi onlus, a scopo umanitario e/o di beneficenza  !
Non riesco a spiegarmi, perchè gli organizzatori di questi eventi, anche di spettacoli vari e di quelli musicali, se pure introitino incassi stratosferici, l’ordine pubblico debba essere garantito dallo Stato, cioè a spese di tutti noi Cittadini: coloro che hanno voglia e interesse ad assistere a questi “spettacoli” privati, di svago e/o di divertimento, si paghino……tutto !!
Se i guadagni vanno a coloro che organizzano l’evento, mi pare EQUO che a questi  vadano pure tutte le spese: anche quelle necessarie a garantire l’ordine pubblico e cioè a garantire che, durante tutto l’evento, non succedano disordini e/o danneggiamenti vari alle strutture pubbliche, e quelle da sostenere per pagare eventuali danni a persone e cose !!

v) SCUOLE ED UFFICI PUBBLICI non indispensabili, chiusi il sabato per tutte le attività, come normalmente succede per le aziende private: le Famiglie, riunite, potrebbero così
avere un giorno a disposizione per eventuali incombenze o spese interessanti tutti i membri.
Contestuale liberalizzazione dell’apertura volontaria, anche festiva e notturna, di negozi ed attività commerciali di ogni settore( come si verifica, da tempo, in altre Nazioni): chi ha un particolare orario di lavoro settimanale potrebbe quindi avere la possibilità di accedervi!

z) SCUOLE PUBBLICHE E UNIVERSITA’ GRATUITE PER TUTTI I MERITEVOLI E
A TEMPO PIENO per Tutti con aggiornamento, mirato, continuo e retribuito a cura e
carico dello Stato, per i giovani diplomati e/o laureati ed anche per i disoccupati, fino allo
avvio all’impiego, possibilmente e prima di tutto nel settore preferito dal Disoccupato.
Istituzione di corsi di “conversione occupazionale” per chi deve cambiare lavoro per un motivo qualsiasi: chiusura dell’azienda, cambiamento di residenza, di condizioni fisiche e/o psichiche, del lavoratore, ambientali, etc..

x) ELIMINAZIONE DEL CANONE della RAI, poichè anche questa Azienda pubblica, promuove e diffonde la pubblicità di prodotti vari, e, quindi, usufruisce dei sostanziosi proventi di questo settore, anche considerati la copertura totale, o quasi, sul territorio ed i programmi che manda in onda, con elevati ed ingiustificabili costi di produzione, scadenti, quindi socialmente inutili, anzi spesso dannosi, per non dire altro.
Dve essere stabilito, inoltre, un tetto ai compensi di manager, funzionari e artisti della stessa, in funzione dei risultati ottenuti, specialmente in relazione ai programmi culturali e/o di pubblica utilità, che sono proprio quelli per cui avrebbe senso il servizio espletato che, a mio parere, attualmente e’ proprio sceso ad un infimo livello (speriamo che sia stato raggiunto il fondo, cosicchè in futuro ci possa essere solo un miglioramento del servizio !!).

w) LIBERTA’ DI PENSIONAMENTO, dopo un numero di anni di lavoro adeguato al tipo di mansioni svolte, con importo di pensione commisurato all’anzianità raggiunta, tramite un giusto rapporto di conversione tra le varie professioni e/o mestieri, (leggeri, pesanti o usuranti), stabilito a priori per legge: il pensionato, se baby, potrà svolgere un altro lavoro, legalmente riconosciuto e soggetto a imposizione fiscale, ma soltanto fino al raggiungimento di un età di riferimento commisurata alla tipologia di lavoro o professione svolti.
§§§§§§§§§
Con l’apertura ad ogni contributo critico, e possibilmente migliorativo, si auspica l’adesione a questo mio primo manifesto, di tutti gli “Uomini di effettive Buone Intenzioni” impegnati o volenterosi, di poche parole, ma di tante azioni, motivati ad agire per il Bene di Tutti, pienamente coscienti che ciò significhi, anche e soprattutto, voler fare il bene di Ognuno.
pubblicato da Briatico, il 3 febbraio, con aggiornamenti successivi, del 22 ottobre 2008, del 13 maggio e del 25 novembre 2012, del 17 febbraio e dell’ 8 marzo e di oggi, 3 novembre 2015.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in PROMOZIONE SOCIALE. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...