Sanzioni relative alle violazioni sulle norme che regolano la circolazione dei veicoli: nuove modalità di calcolo superamento limiti velocità. (Una proposta, quasi identica, l’avevo già formulata diversi anni fa e pure pubblicata su questo blog, il 9 agosto del 2009). L’attuale legislazione prevede a parità di violazione, per Tutti lo stesso importo della sanzione: credo sia più equo che tutte le sanzioni pecuniarie, come già avviene in altri Paesi, siano proporzionate al reddito effettivo ed al patrimonio del Trasgressore(Oggi chi non ha problemi economici, può decidere di infrangere un divieto molto più facilmente di un Cittadino che ne abbia). Per quanto concerne i limiti di velocità, ritengo che le modalità di calcolo attuale del loro superamento vadano variate: è più corretto calcolarlo in percentuale che non in valore assoluto, come previsto finora, come pure la relativa tolleranza. Quindi, non più 5, da 10 a 40, da 40 a 60, oltre 60 km/h, con 5 km/h di tolleranza, bensì il 5, il 10, il 20, il 30, il 40, il 50 % del limite indicato, con il 10 % di tolleranza: credo sia indubbio concordare che superare di 10, o più km/h il limite di 50, in centri abitati, sia molto più grave e pericoloso che superare dello steso valore il limite di 130 in autostrada ! La mia proposta equipara la gravità della violazione al contesto in cui si circola: il 10 % vale in Città, dove la cautela deve essere maggiore per ovvi motivi, 5 km/h, mentre su una Statale vale da 9 a 11 e in autostrada 13 km/h, come il 30 % vale 15 Km/h in un Centro abitato, ma 39 km/h su una autostrada, la tolleranza andrebbe da un minimo di 5 km/h come finora, a 13 km/h per il limite massimo in autostrada: questo metodo di calcolo, a me pare molto più corretto. Altra norma da abolire, poichè dimostra che i ns governanti sono solo dei “pappagalli” copioni, è quella che prevede i fari accesi anche con la luce del sole, come avviene in quei Paesi vicini ai Poli dove è utile poichè la luce naturale è più tenue e dura meno ore o addirittura è assente per gran parte dell’anno: in Italia, “Paese del Sole” tenere le luci dei veicoli accese anche di “giorno” fa solo sprecare soldi agli Automobilisti, per energia e per sostituzione più frequente delle lampade e delle batterie, ma fa guadagnare molto più di prima alle aziende che le fabbricano !

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in LEGISLAZIONE OBSOLETA ED INIQUA e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...