Attività corrette costrette a fermarsi anche a causa e per la concorrenza(!?)di attività illecite, anche soggette a sequestro e/o addirittura a confisca, in concordato e/o fallite, che continuano ad operare……come e più di prima: sembra impossibile, ma purtroppo, è così ! Difficile “ingoiare il rospo” per quello che accade “normalmente” nei Territori in cui mentre tanti Imprenditori corretti, cercano di sopravvivere e fanno l’impossibile per continuare a svolgere la loro attività alla luce del sole e lecita, invece imPrenditori, spesso senza arte nè parte, spesso collegati in qualche modo, se, e quando, non prestanomi di, famiglie ndranghitiste e/o a queste associate, nonostante concordati, fallimenti, e/o azioni di sequestro e/o addirittura , di confisca di beni ed attività, anche gestite da “amministratori giudiziari”, forse grazie ai “collegamenti” dei titolari oggetto dei provvedimenti, continuano ad operare, forse anche senza alcuna autorizzazione di legge, come non ne avevano prima, e fanno incetta del poco lavoro che c’è, partecipando, nonostante quanto prevedano le leggi, anche a “Lavori Pubblici”, a quanto consta, senza che nessuno di coloro che devono controllare la legalità delle attività e le autorizzazioni indispensabili al loro esercizio, lo faccia ! Così, Coloro che, per educazione, per cultura, per Valori familiari, per “forma mentis”, per civismo, e/o anche solo per non incorrere nei suoi rigori, rispettano la Legge, rispettano le Istituzioni, mentre continuano a fare i propri Doveri, non possono fruire dei propri Diritti, per cui viene Loro spontaneo pensare, di aver fatto scelte giuste, ma di constatare che, per le carenze istituzionali, esse non hanno certamente dato e non danno i frutti sperati e corrispondenti alle Loro lecite e sacrosante aspettative……..E’ paradossale, inconcepibile, vergognoso per la Società, che, in uno Stato di Diritto(o dei “dritti” !?), Coloro che cercano di operare nella Legalità, vengano”buttati” fuori dal mercato, rovinati, con la inerte complicità di chi non fa i propri doveri di controllore, da coloro che la Legalità l’hanno sempre violata e continuano a farlo impunemente…….

Annunci
Pubblicato in COME SI E' COSTRETTI A (SOPRAV)...VIVERE IN CALABRIA!, Senza categoria | Lascia un commento

Tassazione redditi

Passate le elezioni qualcuno, non certo tra Coloro che hanno redditi bassi, riprende il discorso e la proposta del cambiamento dell’attuale sistema fiscale di tassazione dei redditi, con l’introduzione di una percentuale di tassazione unica, la “flat tax”: secondo me, niente di ancora più iniquo, a danno dei redditi più bassi del già vergognoso sistema fiscale attuale.                                                                                                                                           Poichè ritengo che, in una Comunità moderna e civile, non ci potrebbe mai essere, Equità Sociale senza che prima ci sia Equità Fiscale, e che non possa essere sopportato e consentito che ci siano Persone che guadagnino molto di più rispetto al necessario ed anche al superfluo, rispetto e, spesso anche a danno, di Altre che, addirittura, come dobbiamo purtroppo constatare ogni giorno, non  hanno neanche il reddito necessario per vivere dignitosamente, quando, proprio neanche per vivere, di seguito rilancio la mia proposta per una veramente equa ripartizione dei carichi fiscali e quindi del sostegno delle spese per Stato per l’erogazione di servizi efficienti e per  la realizzazione delle opere pubbliche indispensabili per far vivere bene Tutti i Cittadini.  Anzitutto tutto il sistema fiscale si dovrà basare sul calcolo del minimo necessario, indispensabile,  relativo al luogo in cui abita e/o risiede, perchè ogni Cittadino, lavoratore e/o pensionato, possa disporre dei beni primari per vivere dignitosamente insieme a tutti i Componenti della propria Famiglia, scegliendo un importo medio di riferimento: questo reddito minimo vitale, riferito e proporzionato al nucleo familiare, dovrà esssere esentato da ogni carico fiscale e sarà il limite inferiore al di sopra del quale i redditi andranno tassati. Dovrà quindi essere fissato un limite superiore, diverso per Soggetti fiscali individuali e Societari, e raccordato al numero di Dipendenti cui il Contribuente da lavoro e stipendio, innalzando questo tetto in proporzione al numero di Suoi Dipendenti e invece penalizzando Coloro che, con pochi Dipendenti, se non proprio senza, producono redditi soltanto “trasferendo” dati, ormai neanche su carta, via internet, oltre il quale il reddito prodotto, per scoraggiare gli eccessi, e/o per porre fine, rendendola inutile, ad ogni forma di sfruttamento sugli Altri, va tassato al 100%, o poco meno: anche questo “tetto” reddituale, oltre che riferito al numero di Dipendenti,  andrà stabilito con riferimento al Nucleo familiare del Percettore del reddito ed al luogo di residenza e/o di abitazione .                                                                                                                                         Tra questi due limiti, le percentuali di tassazione dovranno andare, secondo me, tra un minimo del 10 % ed un massimo del 90 %, naturalmente calcolate in modo che, detratte le tasse, il reddito netto sia comunque sufficiente a far condurre una vita dignitosa a tutto il nucleo familiare del Contribuente, come sopra specificato e con il sistema graduale in atto.                                                                                                                                       Faccio soltanto un esempio di come potrebbe essere il sistema di tassazione proposto per un Nucleo familiare:                                                                                                                              Componenti                   n° 1          Reddito lordo                   800  €/mese  x 13      Esente                                                           2                                                   + 480       =                         =                                                                 3                                                   + 400       =                         =                                                                 4                                                  +  400       =                         =                                                                 5                                                  +  400        =                        =

n°  1                                                    1.000        =                       10 %                                                          2                                                    + 600        =                        es                                                              3                                                    + 400        =                         =                                                             4                                                     + 400        =                          =                                                             5                                                     + 400        =                          =

n°  1                     fino a                      2.000         =                       25 %                                                       2                                                      1.200         =                        =                                                             3                                                     +  400         =                        es                                                           4                                                     +  400         =                        =                                                             5                                                     +  400         =                        =

n°   1                         fino a                   5.000          =                       40 %                                                      2                                                      3.000          =                         =                                                          3                                                     +  400          =                        es                                                          4                                                     +  400          =                          =                                                          5                                                     +  400          =                          =

n°  1                           fino a                 10.000            =                       60 %                                                  2                                                        6.000            =                        =                                                        3                                                       +  400            =                        es                                                      4                                                       +  400            =                         =                                                      5                                                       +  400            =                         =

n°   1                        fino a                    20.000           =                       80 %                                                   2                                                       12.000           =                        =                                                       3                                                        +  400            =                        es

n°    1                         fino a                    30.000           =                      90 %                                                  2                                                        15.000           =                         =                                                      3                                                          +  400           =                        es

fino a                     40.000           =                      95 %                                                                                                            20.000            =                       =

oltre                    40.000           =                      100  %

Per ogni Elemento a carico, dopo il coniuge e/o il 2°, al quale si imputa un importo pari al 50 % del reddito del Capofamiglia, che dovrà pagare la stesa percentuale, si stabilisce un importo, nell’ esempio 400 €, che sarà esente da tasse.

Se il reddito deriva da Attività economica, anche in forma societaria, esercitata con l’ausilio di Dipendenti, diversa dal lavoro dipendente, le percentuali della tassazione saranno diminuite percentualmente, in proporzione del numero di questi, a scaglioni.

Per esempio per un n° di dipendenti da       1       a        5,      diminuizione del      5 %                                                                                           5      a       10                                          10  %                                                                                         10      a       25                                          15  %                                                                                         25      a       50                                          20  %                                                                                         50      a     100                                          25  %                                                                                     100      a     250                                          30  %                                                                                     250      a     500                                           35 %                                                                                     500      a    1.000                                         40 %                                                                                  1.000      a    5.000                                         45 %                                                                    oltre                                                                              50 %

Naturalmente la mia è soltanto una proposta di base, sicuramente da definire bene, migliorabile e da migliorare con il contributo di Chiunque abbia veramente a cuore,     un Paese ed una Società diversa, migliore, cioè più equa di quella in cui viviamo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

=

 

Pubblicato in EQUITA' FISCALE, Senza categoria | Lascia un commento

Sanzioni relative alle violazioni sulle norme che regolano la circolazione dei veicoli: nuove modalità di calcolo superamento limiti velocità. (Una proposta, quasi identica, l’avevo già formulata diversi anni fa e pure pubblicata su questo blog, il 9 agosto del 2009). L’attuale legislazione prevede a parità di violazione, per Tutti lo stesso importo della sanzione: credo sia più equo che tutte le sanzioni pecuniarie, come già avviene in altri Paesi, siano proporzionate al reddito effettivo ed al patrimonio del Trasgressore(Oggi chi non ha problemi economici, può decidere di infrangere un divieto molto più facilmente di un Cittadino che ne abbia). Per quanto concerne i limiti di velocità, ritengo che le modalità di calcolo attuale del loro superamento vadano variate: è più corretto calcolarlo in percentuale che non in valore assoluto, come previsto finora, come pure la relativa tolleranza. Quindi, non più 5, da 10 a 40, da 40 a 60, oltre 60 km/h, con 5 km/h di tolleranza, bensì il 5, il 10, il 20, il 30, il 40, il 50 % del limite indicato, con il 10 % di tolleranza: credo sia indubbio concordare che superare di 10, o più km/h il limite di 50, in centri abitati, sia molto più grave e pericoloso che superare dello steso valore il limite di 130 in autostrada ! La mia proposta equipara la gravità della violazione al contesto in cui si circola: il 10 % vale in Città, dove la cautela deve essere maggiore per ovvi motivi, 5 km/h, mentre su una Statale vale da 9 a 11 e in autostrada 13 km/h, come il 30 % vale 15 Km/h in un Centro abitato, ma 39 km/h su una autostrada, la tolleranza andrebbe da un minimo di 5 km/h come finora, a 13 km/h per il limite massimo in autostrada: questo metodo di calcolo, a me pare molto più corretto. Altra norma da abolire, poichè dimostra che i ns governanti sono solo dei “pappagalli” copioni, è quella che prevede i fari accesi anche con la luce del sole, come avviene in quei Paesi vicini ai Poli dove è utile poichè la luce naturale è più tenue e dura meno ore o addirittura è assente per gran parte dell’anno: in Italia, “Paese del Sole” tenere le luci dei veicoli accese anche di “giorno” fa solo sprecare soldi agli Automobilisti, per energia e per sostituzione più frequente delle lampade e delle batterie, ma fa guadagnare molto più di prima alle aziende che le fabbricano !

Pubblicato in LEGISLAZIONE OBSOLETA ED INIQUA | Contrassegnato | Lascia un commento

Provvedimenti finalizzati alla affermazione dei dettami della Costituzione, in materia di Diritto alla Difesa.

Come Tutti avremo, purtroppo, avuto modo di constatare, se abbiamo subito un torto e/o siamo stati vittime di un reato, o se abbiamo ricevuto una multa che riteniamo ingiusta, per avviare una causa di risarcimento danni o solo per chiedere l’annullamento della multa, dobbiamo prima pagare un “balzello” allo Stato: senza versare questo, non possiamo chiedere un giudizio sull’accaduto, per avere Giustizia(per quel poco che c’è !) ! Questa è una procedura anomala, che non rispetta il Cittadino, e perciò va abolita al più presto:  questo “obolo” deve essere pagato SOLTANTO da chi, parte in causa, ha torto, Privato o Ente pubblico, e solo dopo la sentenza che lo condanna, altrimenti  il Cittadino, anche se ritiene di aver ragione, ma non ha risorse o non vuole pagare, o se l’importo contestato è inferiore alla tassa da versare anticipatamente, non avrà rispettati il proprio diritto alla difesa per come statuito anche nella Costituzione !

Pubblicato in COME FUNZIONANO ALCUNE ISTITUZIONI, Senza categoria | Lascia un commento

La situazione economica e sociale del ns Territorio, negli ultimi due anni è addirittura peggiorata……….

Due anni fa, rilevavo………

“ANCOR PIU’ IN PERIODI DI CRISI ECONOMICA E, QUINDI, DI SCARSITA’ DI RISORSE, COME QUELLO CHE STIAMO VIVENDO DA QUALCHE ANNO, COME POSSONO COMPETERE LE AZIENDE CORRETTE, CHE, NONOSTANTE TUTTE LE DIFFICOLTA’, SONO RIUSCITE ANCORA A SOPRAVVIVERE, CON QUELLE “SPONSORIZZATE”, VICINE, INTESTATE A PRESTANOMI, E/O DI PROPRIETA’ DELLA CRIMINALITA’, CHE, OLTRE AD ESSERE, SPESSO, COMPLETAMENTE FUORILEGGE, PRATICANO PREZZI UNITARI IRRAGIONEVOLI, FUORI MERCATO, AL DI SOTTO DI OGNI RITORNO ECONOMICO, E CHE, QUINDI, PURTROPPO, RASTRELLANO TUTTO IL POCO LAVORO CHE E’ RIMASTO !!?? A QUESTA DISTRUZIONE PROGRAMMATA DEL TESSUTO DI AZIENDE LECITE, CONCORRE SPESSO ANCHE LA PERPETRAZIONE DELLE MODALITA’ DI “AGGRESSIONE” DEL MERCATO, CON LA STESSA PRATICA DI PREZZI ECONOMICAMENTE FALLIMENTARI, IDENTICI A QUELLI PRATICATI PRIMA, DA PARTE DI QUELLE AZIENDE CADUTE SOTTO LA SCURE(!?) DELLA LEGGE, ANCHE QUANDO QUESTE SONO STATE POSTE SOTTO L’AMMINISTRAZIONE CONTROLLATA DI CURATORI(!?) GIUDIZIARI, CHE, SPESSO, QUANTOMENO, SE NON IN MALAFEDE, NON SI SONO MAI OCCUPATI, PRIMA, DEL SETTORE DI QUESTE AZIENDE !! QUESTO SOTTO GLI OCCHI(!?) DEI RAPPRESENTANTI ISTITUZIONALI,CIOE’ DI CHI DOVREBBE CONTROLLARE, MENTRE LE POCHE AZIENDE CORRETTE, ORMAI, RIMASTE, CONTINUANO, PER QUESTA “CONCORRENZA” INSOSTENIBILE, …….A CHIUDERE !! SI SONO, MAI, CHIESTI, QUESTI CONTROLLORI ISTITUZIONALI, COME SI POSSA RIUSCIRE A “RESTARE A GALLA”, E PER ANNI, VENDENDO A 50 QUALCOSA CHE COSTA 100 E CHE ALTRI, PER SOPRAVVIVERE, DOVREBBERO VENDERE ALMENO A 110 !!?? DA DOVE PROVIENE LA “DIFFERENZA” CHE PERMETTE A QUESTI “CONCORRENTI”, NON SOLO DI OPERARE, MA, ADDIRITTURA DI ESPANDERSI E DI OCCUPARE PIU’ MERCATO !!?? PERCHE’ NON SI INTRODUCONO CONTROLLI DI LEGALITA’, DA PARTE DELLE PREFETTURE, ANCHE IN TUTTE LE COMMESSE PRIVATE, DOVE LE ILLEGALITA’ SONO ANCORA PIU’ DIFFUSE E REDDITIZIE CHE NEL SETTORE PUBBLICO !!?? “CUI PRODEST”, QUESTA VERGOGNOSA SITUAZIONE !!?? POSSIBILE CHE I RAPPRESENTANTI ISTITUZIONALI VARI, SIANO TUTTI “CIECHI” E, QUANDO DISPONGONO I CONTROLLI DI LEGGE, VANNO SOLTANTO A SCRUTARE PRESSO I REGISTRI DEI VARI ENTI, DOVE SI POSSONO TROVARE, SOLTANTO, LE AZIENDE CORRETTE, QUELLE CHE CERCANO DI OPERARE IL PIU’ POSSIBILE NEL RISPETTO DELLE REGOLE, E QUINDI INDIRIZZANO QUESTI CONTROLLI PROPRIO, E SOLO, VERSO…..”CHI RISULTA DAGLI ELENCHI” !?? E’ COSI’ CHE, CHI OPERA ALLA LUCE DEL SOLE, DEVE “COMBATTERE” E GUARDARSI DA PIU’ “NEMICI” E, SPESSO, NON PUO’ FARE ALTRO CHE…..CHIUDERE !! DOVE NON RIESCE A FARE DANNI, SEMPRE IRREPARABILI, LA CRIMINALITA’ DA SOLA, PURTROPPO CI RIESCE QUANDO E’ “AIUTATA”, ANCHE PER NON ESSERE CONTROLLATA A DOVERE, DAI RAPPRESENTANTI DELLO STATO !!
QUELLO CHE E’ INCOMPRENSIBILE E’, SOPRATTUTTO, LA COMPLICE INOPEROSITA’, MENTRE CONTINUANO AD IMPEGNARSI A PAROLE, DEI NS RAPPRESENTANTI(!?) PARLAMENTARI, DI QUELLI ONESTI, CIOE’ DI COLORO CHE DOVREBBERO LEGIFERARE PER PORRE FINE A QUESTA TRAGICA SITUAZIONE, CHE NON PUO’ CHE DANNEGGIARE TUTTA LA COMUNITA’, MA NON LO STANNO FACENDO !!”

Nicola Conocchiella
Scrivi un commento…
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Sovranità monetaria: senza, uno Stato non è in grado di realizzare Opere, nè di erogare Servizi pubblici ed è destinato all’arretratezza ed al fallimento ! In Italia, siamo in crisi profonda, economica e sociale, ma chi governa, continua, non si capisce perchè, a disconoscere questa inderogabile necessità !!

Lo Stato deve contrastare gli sprechi di denaro pubblico, ma non deve, e non può, farlo, annullando gli investimenti per opere e servizi ai Cittadini !!
Naturalmente uno Stato può spendere il denaro, soltanto se……lo ha: la sovranità monetaria, cioè la “stampa” della propria moneta, è l’unico sistema che ha uno Stato, per avere la disponibilità del denaro che serve per gli investimenti pubblici !! Oggi, purtroppo, grazie agli ascari di governo che hanno sottoscritto, contr

Altro…

Antonio Alessandria a SOVRANITA’ MONETARIA S.E.N.E.(si Europa, no Euro)

lunedì 14 dicembre 2015

“Stampare moneta, ovvero la convenzionalità del non convenzionale”

Scusate, a me sembrate tutti matti.
Ma proprio tutti tutti tutti, a partire, ovviamente, dai miei colleghi.

A leggere alcuni commenti al post precedente, per non parlare poi di quanto si sente nel dibattito pubblico, sembra che finanziare con moneta la spesa pubblica sia qualcosa di inconcepibile, una bestemmia, una prassi non solo e non tanto deprecabile per motivi etici (in quanto svincolando i politici dai mercati sarebbe scaturigine certa di coruzzzzzzzzzione – perché il privato, si sa, moralizza, come il caso VW dimostra…).
Ma……ma…..ma…….”Ma no, dai, Bagnai, te lo sei scritto tu questo testo! ‘Il finanziamento con base monetaria’, che assurdità! Le scemenze dei noeuro, che cercano di convincerci che il ritorno alla sovranità monetaria avrebbe un senso, anche perché provvederebbe i governi di una forma di finanziamento aggiuntiva oltre al debito, una forma di finanziamento svincolata dal ricatto dei “mercati” perché disponibile a costi sostanzialmente irrisori. Dai, su, che è questa robaccia? Non ha peer review, per fortuna, e spero bene che non venga insegnata nelle università…”.

No, non è esattamente così.

Sono le pagine 268-270 di questo libro(http://www.carocci.it/index.php…) , che, come sapete, è stato tradotto in inglese dalla Cambridge University Press (con l’endorsement di uno de passaggio, come potete notare…), ed è quindi, con questo, uno dei due manuali di economia prodotti da autori italiani più diffusi all’estero (Acocella è stato tradotto anche in cinese). Casualmente, i due autori sono stati prima miei maestri e poi miei colleghi nel dipartimento di economia fondato da Caffè, che tanti dolori ci ha dato (da Draghi in giù, fino a Padoan…).

Quindi materiale ultraortodosso, tanto valido da essere adottato in università estere, a Atene, ma anche nella patria dell’ordoliberismo, ma anche a Londra, ecc. (per non parlare, ovviamente, di Pescara).

Capito come?

In tutto il mondo si studia, perché si deve studiare, altrimenti non si passa l’esame, che quello con base monetaria, nelle forme istituzionali storicamente e giuridicamente definite, è una delle possibili forme di finanziamento della spesa pubblica.

http://goofynomics.blogspot.it/…/stampare-moneta-ovvero-la.…

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Concordo con il dr Naso: Credito d’ Imposta e mutui agevolati sono le misure più efficaci per aiutare il Sud.

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO BILANCIO FALLIMENTARE

DA SOSTITUIRE CON CREDITO D’IMPOSTA E MUTUI AGEVOLATI

 

Nei giorni scorsi sui giornali sono state riportate le varie tesi in merito agli scarsi risultati in termini di sviluppo economico che sono stati ottenuti in Calabria, nonostante l’enorme fiume di contributi nazionali e comunitari erogati.

 

Gli interventi della Cassa del Mezzogiorno prima, i contributi  a fondo perduto introdotti dalla Legge 64 e successivamente dalla Legge 488, e i consistenti aiuti erogati dalla Comunità Europea con il Por Calabria  potevano e dovevano portare sviluppo nella nostra Regione, se questi finanziamenti non fossero diventati per la maggior parte preda di imprenditori improvvisati e senza scrupoli che, con l’avallo delle Istituzioni, hanno sperperato i fondi comunitari e nazionali che dovevano creare sviluppo e  posti di lavoro.

E’ davvero deprimente per noi calabresi ammettere di non aver saputo gestire in modo proficuo i fondi che per tanti anni sono stati erogati con l’obiettivo di farci diventare una Regione socialmente ed economicamente sviluppata

 

Il contributo previsto a favore degli imprenditori che intendono investire nelle aree “svantaggiate” nasce dalla necessità di dare un incentivo per superare le difficoltà a fare impresa dovute alla carenza di infrastrutture, all’inefficienza della Pubblica Amministrazione, alla presenza della criminalità organizzata, e, non ultimo, a un sistema bancario che concede pochi finanziamenti e a caro prezzo.

 

Ma il contributo a fondo perduto è in grado di colmare le problematiche cui va incontro l’imprenditore?  Oppure, se l’iniziativa nasce,  successivamente,  non riesce a crescere soffocata dai fattori avversi ed è destinata a morire?  O, addirittura,  il candidato imprenditore o solo “prenditore” poco si interessa del futuro dell’iniziativa e si preoccupa solo di arraffare il contributo per poi  scomparire?

Se ad oggi, dopo tanti anni, siamo ancora a parlare della disastrata situazione economica e sociale del Meridione e in modo particolare della Calabria, vuol dire  che molte cose non sono andate per il verso giusto.

 

Per rendere efficace qualsiasi forma di incentivo è necessario prioritariamente  rimuovere le cause che ad oggi hanno ostacolato lo sviluppo  e creare le condizioni minime per consentire la nascita e la crescita di nuove iniziative produttive.

Con riferimento specifico alla Calabria, come si fa ad ipotizzare la nascita di nuove iniziative produttive valide  se mancano le infrastrutture minime per fare vivere anche quelle poche iniziative ancora esistenti?

 

Conosciamo bene i limiti  del nostro sistema viario. Inoltre, dobbiamo  prendere atto  che dopo un decennio di gestione straordinaria dell’emergenza ambientale, con  una spesa di oltre un miliardo di euro, in Calabria la raccolta differenziata non è decollata  e non sappiamo più dove smaltire i rifiuti. L’80% dei depuratori non funzionano; nelle regioni del Nord depurano i rifiuti tossici industriali, noi non riusciamo a depurare i rifiuti civili. Il mare continua ad essere inesorabilmente sporco,  mettendo in crisi anche il turismo che è l’unico settore che sta dando ancora risultati positivi. L’importante settore della sanità è stato gestito per tanti anni senza rispettare le regole minime della corretta amministrazione, senza bilanci di previsione, senza controlli contabili e, in alcuni casi, con duplicazione dei pagamenti delle forniture.  Una buona dose di colpa, bisogna ammetterlo, è anche nostra.

Sicuramente lo Stato deve fare la sua parte per realizzare anche nel Meridione, e in modo particolare in Calabria, un sistema viario moderno, far arrivare anche da noi l’alta velocità  e la banda larga, contrastare la dilagante criminalità organizzata e rendere efficiente la Pubblica Amministrazione. Ma anche noi dobbiamo fare la nostra parte, rispettare le regole nell’amministrare la cosa pubblica e porci l’obiettivo primario di spendere bene le ultime importanti risorse che la Comunità Europea ha messo a disposizione; non  possiamo perdere quest’ultimo treno.

 

Se l’incentivo a fondo perduto ha dato ad oggi scarsi risultati, a mio avviso,  bisogna puntare sul credito d’imposta sui nuovi investimenti, introdotto la prima volta dalla Legge finanziaria n.388/2000 a favore delle imprese operanti nelle regioni meridionali. Questo bonus fiscale, ha dato  ottimi risultati in termini di investimenti ed occupazione, specialmente in Calabria alla quale la legge aveva accordato la più alta percentuale del credito d’imposta (65%). Ma i fondi stanziati sono stati di gran lunga inferiori all’entità delle domande presentate.

Ritengo che questa forma di incentivo meriterebbe maggiore attenzione e finanziamenti adeguati, in quanto  presenta degli enormi vantaggi:

  • la procedura per la richiesta preventiva è molto semplice;
  • il bonus fiscale è rivolto a quelle imprese che lavorano, producono redditi e pagano i contributi previdenziali per i dipendenti e a quelle nuove iniziative che hanno i presupposti per diventare operative e poter utilizzare il bonus sotto forma di credito di imposta; solo queste imprese hanno interesse  a chiedere tale tipo di agevolazione; non c’è spazio per i falsi imprenditori;
  • il bonus è facilmente monitorato attraverso le dichiarazioni dei redditi dei contribuenti che ne usufruiscono e con i controlli degli Uffici Finanziari.

Per le nuove attività produttive è necessario prevedere la possibilità di ottenere anche un mutuo a tasso agevolato, le cui rate possono essere coperte in buona parte coperte con il risparmio fiscale e previdenziale realizzato con il credito d’imposta di cui sopra.

Questo sistema consentirà sicuramente di dare un valido incentivo per creare vere e valide nuove iniziative produttive e di sviluppare quelle già esistenti, condotte da imprenditori capaci e seri.

Bisogna attingere ai Fondi UE per cofinanziare, unitamente agli stanziamenti statali, questo importante strumento di sviluppo per le Regioni meridionali e per la Calabria in modo particolare, dando agli imprenditori capaci e onesti i mezzi necessari per i nuovi investimenti.

 

Le rigide  regole del mercato globale e la grave crisi economica hanno accentuato la debolezza del già precario sistema economico delle Regioni sottosviluppate, allargando il divario con il Nord; pertanto, ritengo sia ancor più necessario  concentrare i nostri sforzi per utilizzare adeguatamente gli ultimi finanziamenti disponibili e fare di tutto per mettere a frutto quelle risorse naturali che ci ha dato Madre natura e che altri non hanno.

In tale ottica andrebbero studiate attentamente anche le peculiarità di quelle aree della Regione che hanno particolari vocazioni di sviluppo, come le aree turistiche, le arre agricole, le aree dell’industria conserviera unitamente alla valorizzazione di prodotti tipici regionali e al settore artigianale, introducendo forme di aiuti zonali e settoriali per potenziare e sviluppare ulteriormente quelle zone e quei settori di eccellenza che presentano i requisiti necessari per tradurre in sviluppo e lavoro  gli aiuti pubblici erogati.

Non credo, purtroppo, ci siano le condizioni in Calabria per creare grossi complessi industriali, come si pensava di fare negli anni settanta. I tentativi fatti, pur impegnando enormi risorse finanziarie, sono stati un fallimento; vedi Saline Joniche, la Sir di Lamezia Terme, polo tessile ecc.

Dobbiamo, quindi, apprezzare, rispettare e proteggere con forza  le nostre bellezze naturali ed utilizzarle adeguatamente per potenziare il settore turistico che, ad oggi,  è stato uno dei pochi settori che ha portato sviluppo e creato nuovi posti di lavoro nella nostra Regione.

 

Domenico A. Naso

Pubblicato in Aiuti efficaci alle Aziende serie | Lascia un commento